🏆
Classifiche
🎙
Interviste
📖
Libri
💼
Marketing
📰
News
🔧
Tool
News 2 Giugno 2023

Gli influencer pagano le tasse sui regali ricevuti: succede in Germania

Nelle ultime settimane, in Germania ha fatto molto discutere la decisione del Governo di far pagare a content creator e influencer una tassa sui prodotti #gifted

Qualche giorno fa, i ragazzi di Webboh hanno pubblicato una notizia: in Germania i prodotti in omaggio per content creator e influencer non sono esattamente gratis. Ho quindi deciso di approfondire ed ecco cosa è emerso…

Il contesto

Che l’influencer marketing sia una tendenza nel mondo della pubblicità online è innegabile. Ormai è prassi per diverse aziende contattare content creator e / o influencer per concordare l’invio di prodotti da sponsorizzare, gratuitamente oppure a pagamento. Una volta ricevuto il prodotto, il content creator o l’influencer parlerà di esso attraverso i suoi canali social, così da aumentarne la conoscibilità, migliorare il sentiment nei confronti dell’azienda e influenzare la propria community all’acquisto.

In Germania i prodotti #gifted non sono considerati tali

A differenza di tutti gli altri paesi, ai sensi del diritto tributario, in Germania i prodotti #gifted non vengono considerati un regalo. Il TikToker Nic Kaufmann, in uno dei suoi video più recenti, ha raccontato che le cose non sono così semplici e che i regali gratuiti, in realtà, sono semplicemente dei prodotti ricevuti con uno sconto.

@nickaufmann

So to answer the question… not really!

♬ original sound – Nic Kaufmann

Ecco come funziona. Salvo alcune eccezioni, prodotti in omaggio e campioni sono considerati “Sacheinnahmen” e i destinatari devono pagare una tassa pari al 43% sul valore di vendita. Il Finanzamt, organo di controllo tedesco, può facilmente scoprire tutti i doni ricevuti da influencer e content creator, sia attraverso delle ricerche online che con i cosiddetti “Kontrollmitteilungen”, utilizzabili per verificare se un contribuente ha adempiuto ai propri obblighi fiscali. In questo modo è possibile ai fini legislativi tracciare tutto, nonché di verificare la correttezza dei dati inseriti in fase di dichiarazione dei redditi da parte di content creator e influencer.

Le eccezioni previste dalla legge

Tuttavia, la normativa tributaria tedesca prevede due eccezioni. Non dovrà essere versata alcuna tassa nei seguenti casi:

  • se l’influencer / content creator rispedisce il prodotto all’azienda,
  • se il prodotto ha un valore di vendita inferiore a 10 euro,
  • se l’azienda paga la tassa al posto del creator, purché il prodotto non abbia un valore superiore ai 10.000 euro.

Sicuramente una posizione interessante quella intrapresa dal Governo tedesco e che ha fatto molto discutere. Allo stesso tempo, però, questo è un chiaro segnale di cambiamento. Content creator e influencer stanno assumendo un ruolo sempre più di rilievo nel panorama della pubblicità online e il fatto di applicare una tassa sul loro lavoro significa che le istituzioni stanno piano piano aprendo gli occhi per riconoscere tali professioni. Giusto o sbagliato non saprei… Ai posteri l’ardua sentenza!


Sei un’azienda, un’agenzia, un professionista o uno studente?
Scrivimi e lavoriamo insieme!

Scopri tutte le risorse

Entra nella sezione per scoprire i migliori articoli, libri e strumenti utili per il tuo business o profili social.

Scopri le risorse
Autore
Danilo Maimone
Ciao, sono Danilo e mi occupo di Social Media e Influencer Marketing. Lavoro con aziende, startup, imprenditori digitali e agenzie che vogliono sfruttare le potenzialità dei social.
Commenti (0)

Il mio profilo Instagram

SEGUIMI

Community Facebook

ENTRA SUBITO

Notizie correlate

News
Vuoi disabilitare l’algoritmo dei tuoi social media? Ecco come fare

Preferisci non vedere contenuti personalizzati nel feed dei tuoi social? Oggi ti svelo come silenziare l’algoritmo sulle principali piattaforme Dal…

14 Settembre 2023 - 3 min di lettura
News
Facebook e Instagram a pagamento in UE: realtà o fake news?

Il New York Times ha pubblicato la notizia secondo la quale Meta potrebbe decidere di mettere Facebook e Instagram a…

7 Settembre 2023 - 2 min di lettura